Creativity Oggetti – tra artieri, designer e ceramica contemporanea – ospita le opere di Elisa Confortini a Torino.

Creativity Oggetti punta dal 2001 i riflettori su artieri e designer che dedicano il loro lavoro alla ricerca di capi d’opera all’insegna dell’hand made e alla definizione di un linguaggio artistico personale, così come la propria Galleria, è una finestra sempre aperta alle nuove proposte d’Arte della ceramica contemporanea. Si accede solo sui capi d’opera, le prove uniche, gli oggetti scultura, in una parola l’unicità dell’unico che è solo dell’Arte in linea con la ricerca di questi ultimi anni improntata a individuare oggetti emozionali definiti da qualità, sperimentazione e innovazione. Creatività e ricerca sono i caratteri salienti delle sue proposte e in questi anni la stretta collaborazione con gli autori presenti nella galleria ha dato vita a mostre a tema che hanno consentito la nascita di opere uniche e intere collezioni.

Federica Cioccoloni

 

CREATIVITY_LOGOweb

In questi giorni è possibile visitare la galleria e imbattersi nelle opere di: Elisa Confortini nella sua mostra: “SENTIERI NEI BOSCHI” Percorsi, forme e riflessioni intorno alla natura.

trofei urbani

Un aspetto caratterizzante del lavoro artistico della Confortini è quello della sua forte empatia con il mondo naturale: una sensibilità emotiva che si integra con il suo personale processo di elaborazione manuale delle terre, ma che attraverso un’attenta analisi dei propri strumenti linguistici e operativi si carica anche di un’innovativa impostazione concettuale.

semi

Per Elisa Confortini il grès è un materiale ideale per tradurre in arte le sue passioni naturalistiche. Nelle sua infinita catalogazione di insetti o forme animali e vegetali non si stanca mai di ordinare e riunire in gruppi queste sue creazioni di immaginarie forme di vita. Non possiamo che condividere questa sua passione ripercorrendo dalla nostra infanzia le instancabili ricerche da inesperti esploratori in boschi o fiumi, prati o su spiagge assolate alla ricerca di forme di vita, minerali, conchiglie e vegetali da collezionare. È per questo che le opere che Elisa ci propone tornano alla luce da un passato remoto e si mostrano a noi come forme familiari.

collezione entomologica

Questa perizia nel lavorare il grès ha fatto sì che i suoi lavori acquisissero una propria vita: un respiro vitale. Nei semi o negli insetti oppure nelle delicate forme vegetali che nascono all’interno di perfette figure geometriche, ci conduce nel suo personale e delicato linguaggio poetico senza mai spingerci a comprendere fino in fondo ciò che osserviamo ma concedendoci uno spazio di libero arbitrio. Dai suoi lavori veniamo irrimediabilmente attratti, ed è come trovarsi al cospetto di un enigmatico evento naturale.

gabbia

A chi entra nella “Wunderkammer” di Elisa non occorre un Dio Thot- Ermes per poter decodificare le sue opere “para-scientifiche”, esse parlano una lingua intellegibile a tutti, le sue creazioni risultano semplici alla nostra percezione, perché questi simboli ancestrali, lo scarabeo, i semi, le ossa, i minerali sono parte di noi e del nostro passato remoto di cacciatori e raccoglitori.

L’obiettivo di Elisa è conservare, raccogliere e poi fabbricare plasticamente questi oggetti straordinari per le loro caratteristiche intrinseche ed estrinseche. In essi si conserva analogicamente l’oggetto ritratto, ma al tempo stesso la forma, la materia, la superficie ed il colore stessi, ne restituiscono un nuovo valore formale, un insetto o un vegetale si metamorfosano in forme geometriche astratte e al tempo stesso salvaguardano tutta la loro forza simbolica delle forme naturali, ed è qua che si perde i segno, il senso o il limite fra naturale ed astratto, i due linguaggi si assomigliano fino a plasmare nuove ed inaspettate forme di vita.

gemma part

Elisa Confortini crea questi “corpi-materia” osservando ed immaginando la natura (Imago Naturae) ma contemporaneamente stravolge il linguaggio per disorientare l’osservatore. È una continua ricerca del punto di non ritorno che si trova nel limite fra l’astrazione pura, la ricerca informale e materica dell’essenza stessa dei materiali e nelle innumerevoli forme della natura. Elisa mescola alchemicamente tutti questi ingredienti con saggezza “zen”, togliendo il superfluo fino ad arrivare ad una Gestalt di estremo equilibrio, pulizia ed essenzialità. Anche il colore è usato con grande sobrietà, sono gli stessi materiali e la loro naturale colorazione che si forma con l’alta temperatura a 1300 gradi, gli sporadici apporti cromatici che Elisa usa per le sue opere, oltre alla decocalcomania ceramica e al bianco immacolato della porcellana.

nido

Elisa Confortini è un’artista che fa dialogare la materia (il grès nello specifico) con una sapiente interpretazione artistico-scientifica trasformando la stessa in arte.
Bresciana di nascita (1973) e ligure di adozione, lavora a Genova dove ha aperto il suo laboratorio ’”Atelier 99″. Ha una formazione scientifica e con grande passione e ottimi risultati si occupa fin da adolescente di macro-fotografia, in futuro questa attività le sarà molto utile nella realizzazione dei suoi lavori. Inizia a fare pratica sulla ceramica dalla metà degli anni ’90, dopo una casuale (ma provvidenziale) lettura di un articolo sulla cottura Raku scoperto su una rivista specializzata. Così inizia il suo percorso di conoscenza verso questa disciplina che non ha più abbandonato diventando un’artista-ceramista di professione. Dal 1996 al 1998 frequenta stages in diversi ateliers, in particolare quello della ceramista Enrica Negri a Milano. Nel 2007 è tra i vincitori del concorso per artisti emergenti organizzato dall’ICMEA (International Ceramic Magazine Editors Association). L’anno successivo è invitata al progetto FLICAM di scambio artistico tra Italia e Cina. Dal 2009 inizia a frequentare lo studio dello scultore Adriano Leverone. Partecipa inoltre alle biennali internazionali di Arte Ceramica di Faenza, Manises e Alcora in Spagna, Aveiro in Portogallo, Kapfenberg in Austria, Taiwan e Parigi.

Foto: Courtesy dell’artista

Testo: si ringrazia Alessandro Bellucci per la parte del testo critico

INFO
Creativity Oggetti
Via Carlo Alberto 40/f -10123 Torino – Italia Tel: +39 011 81 77 864 http://www.creativityoggetti.it
E-mail: info@creativityoggetti.it


Contemporary Italian Ceramic – CiC è il primo blog di ceramica diffuso, con uno sguardo alle tradizioni ma sopratutto alle nuove correnti artistiche del panorama Italiano e non. www.contemporaryitalianceramic.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...