Le ragioni dell’immaginario – Eraldo Chiucchiù.

La ceramica è sempre stata per lo scultore Eraldo Chiucchiù il tramite più adatto per esprimere le ragioni dell’immaginario. La versatilità del materiale e la sapienza pratica dell’artista, consentono soluzioni formali sorprendenti per efficacia visiva e originalità.Parallelepipedo-2009 cm56x37x25 argilla refreattaria, ossidi, lustro in vernice

Nella sua lunga carriera ha condotto una ricerca che potrebbe definirsi scientifica, sia nell’aspetto tematico che nella realizzazione, indagando fenomeni geologici e sperimentando continuamente per scoprire nuove soluzioni tecniche.

Al suo esordio, esplorando il linguaggio plastico della scultura minimalista, ha creato forme geometriche, indirizzando masse e superfici verso una limpida essenzialità.

Senzatitolo-1989 cm91x45x7,5 terracotta, smalto,lustro in vernice

La geometria continua ad essere un aspetto fondamentale del suo lavoro, ma nelle opere più recenti l’artista ha rivolto lo sguardo ai mutamenti della Terra, come le eruzioni vulcaniche, la formazione dei minerali e lo slittamento dei ghiacci, evocando il vitalismo dinamico che anima la materia.

Torsione-2013 argilla refrattaria.ossidi, colori, lustro in vernice

Con il ciclo Endogenal’attenzione si concentra sui processi metamorfici che avvengono all’interno della crosta terrestre e il materiale è trattato in modo da creare l’effetto di una colata lavica che invade la purezza della forma. Il contrasto rimanda all’opposizione tra Ordine e Caos, Ragione e Istinto, Creazione e Distruzione e nelle scelte plastiche e cromatiche ciò risulta evidente. Infatti a solidi geometrici come cubi, piramidi e sfere, levigati e chiari, si contrappone una sostanza nera e informe, ruvida e grumosa.

Forma Nera 2-2002 cm 46,5x45 agilla refrattaria, ossidi, lustro in vernice.

Con Geminazioni l’artista si è ispirato agli effetti caleidoscopici degli aggregati cristallini di alcuni minerali, ricreandone la struttura e la pigmentazione. L’energia delle forme e la vivacità della policromia rendono questo gruppo di lavori particolarmente suggestivo.

Le sue ultime opere sono in porcellana, lavorata fino ad ottenere spessori sottilissimi, come nelle light boxese nei mobilesdella serie Litofanie, riprendendo il termine da una produzione ottocentesca della Ginori riferita a lastre istoriate e ai paralumi. Le lastre, che raggiungono la consistenza della carta, sono incise, inserendo un’interessante presenza grafica nelle installazioni.

Perimetro Scultoreo- 2017 cm50x42x48 porcellana invetriata

La serie più recente, chiamata Ice, è dedicata al dinamismo dei ghiacciai, con sculture perimetrali che appaiono come involucri frastagliati dall’asse inclinato, trattate con uno smalto bianco che vira al grigio, singolarmente evocativo dell’effetto del ghiaccio.

Tutte le varie fasi del suo percorso di artista rivelano un indomito spirito di ricerca, volto a escogitare sempre nuovi esiti plastici con procedimenti esecutivi ingegnosi e spesso inediti.

Testo a cura di Marinella Caputo

Foto Courtesy dell’artista.


Contemporary Italian Ceramic – CiC è il primo blog di ceramica diffuso, con uno sguardo alle tradizioni ma sopratutto alle nuove correnti artistiche del panorama Italiano e non. www.contemporaryitalianceramic.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...